Storia e... non solo
IL PASSO DEL DEMONIO
MITI E LEGGENDE LUZZESI

Il passo del demonioFino a qualche anno fa, dal bivio di C.da Serra Civita, a sinistra verso Croce di Valenzia, esisteva un percorso, dove ad un certo punto, in una parte molto scoscesa, ci si addentrava verso C.da Immilano. Oggi il sentiero è sparito, sommerso da frane, rifiuti vari e vegetazione. In un angolo con un piccolo terrapieno si trovano, però, due pietre non molto grandi, quasi attaccate, con caratteristiche molto particolari: esse, infatti, sono granitiche e durissime, molto difficili da intaccare. Eppure su di esse sono stampate in modo nitidissimo, un'impronta di piede di capra (il piede del diavolo) e al suo fianco, una croce (il segno di Cristo).

Narra la leggenda che parecchi anni fa da quelle parti transitassero giornalmente numerose persone e un giorno, improvvisamente, tutti avevamo paura perché si sentivano terribili rumori di catene, causati da qualche evento soprannaturale. La leggenda popolare diceva, infatti, che c'era passato il diavolo e aveva lasciato anche la sua impronta, ben stampata sulla pietra, a monito di chiunque avesse osato passare da quel punto.

Un gruppo di persone, le più coraggiose, recatosi sul posto, notavano che l'impronta, assolutamente, non poteva essere stata fatta da persona umana, tanta era la perfezione della stessa.

Dunque avevano confermato che tutto corrispondeva al vero: da quel punto non si passava più perché c'era passato il diavolo.

Ma dopo qualche tempo, improvvisamente tutti i rumori erano svaniti ed un'aria di pace aleggiava su quel posto, che non incuteva più nessuna paura. Che cosa era successo? Il solito gruppo di persone coraggiose, recandosi al sentiero e, guardando la roccia dove era stampigliata l'impronta del demonio, notavano che, poco distante, su un'altra pietra, vicinissima, era apparso il segno della croce, anch'esso ben impresso sul duro granito. Dunque, il Bene aveva trionfato sul Male e da quel giorno il percorso dei viandanti è stato sicuro e protetto dal Signore.


BIBLIOGRAFIA

Questa foto è stata già pubblicata sul libro fotografico "Luzzi e dintorni" di Luigi Curti nel 2004 nel settore "Miti e leggende" ed è stata realizzata grazie alla disponibilità del prof. Umile Montalto, profondo conoscitore del luogo.
IL PASSO DEL DEMONIO ¦ LA PETRA MAIURA